Quadri dipinti a mano

Quadri dipinti a mano: come dipingere

La pittura è tra le più importanti forme di espressioni artistiche, sollecita l’organo sensorio e può essere utilizzata come strumento per poter esprimere i nostri stati d’animo. Se siete appassionati del disegno, una volta apprese le regole principali, vi accorgerete di quanto sia semplice dare vita ad un vostro pensiero. In questa guida vi indicheremo quali sono le basi per iniziare a dipingere su di una tela dipinta a mano!

Imparare le tecniche della pittura che hanno fatto la storia delle arti visive per secoli

tecnica pittorica, olio su telaLa prima cosa da fare è quella di reperire il materiale necessario, questo può essere trovato ormai dappertutto senza grandi difficoltà, da centri commerciali, ai negozi per bricolage passando per i negozi dedicati alle belle arti. Necessariamente bisogna acquistare una tela o più di una, dei colori, un diluente, una tavolozza, delle spatole ed ovviamente dei pennelli, di varie forme e misure.

Un consiglio è quello di munirsi di vasetti che abbiamo in casa, magari di vetro, dove poggiare i pennelli e riempirli d’acqua per pulirli ben bene; magari inserendovi all’interno qualche centimetro di rete metallica per poter così grattare i pennelli e togliere tutto lo sporco o residui di colore.

dipingere un quadro, tecniche pittoricheNon meno importante dei pennelli è la tela, questa può essere poggiata su un classico cavalletto o anche semplicemente appesa al muro della vostra abitazione con un chiodo.

È consigliato “prepararla” passando due mani di olio di lino con aggiunta di un po’ di essenza di trementina e un po’ di bianco di titanio, in questo modo assorbe meglio i colori.

L’ideale all’inizio è prendere una tela di dimensioni ridotte, per esempio 40X50 cm, così da poter prendere confidenza con il materiale ed eventualmente, solo successivamente, passare a tele di più ampie dimensioni, dopo che avremo preso dimestichezza con la pittura. I colori vanno scelti con molta attenzione, fondamentali sono i colori primari (giallo, blu e rosso) e il bianco/nero, che sono sicuramente i più utilizzati.  Per iniziare potrebbero bastare anche soltanto tre pennelli, purché siano di dimensioni diverse: uno per i ritocchi, uno medio ed uno grande per le superfici più ampie e lineari.